Itinerario di Cesena – Parti in bici alla scoperta dei parchi gioco

Itinerario di Cesena – Parti in bici alla scoperta dei parchi gioco



In una calda giornata di giugno visitiamo Cesena.
 
Parcheggiamo in periferia come da indicazioni della guida scaricabile e diamo un occhiata ai parchetti vicini ma decidiamo di proseguire senza fermarci.
 
Poche pedalate ad arriviamo al Parco per Fabio. Si tratta di un grande parco con due aree gioco. In quella più in basso segnaliamo una bella torretta composta ed un accampamento su una collinetta con scivolo ed arrampicata.
Segnaliamo la presenza di una toilette e un chiosco bar.
 
Proseguiamo in direzione centro città, costeggiando il fiume Savio, fino alla bella Piazza del Popolo che non riusciamo ad ammirare appieno in quanto è sabato e c’è il mercato con tantissima gente a passeggio.

Ci sarebbe piaciuto vedere la Rocca Malatestiana, solo che complice le bancarelle e la marea di gente siamo scappati velocemente verso la nostra tappa successiva: il Parco Cesuola. Quest’area verde è situata appena fuori dal centro storico, adiacente al corso del torrente Cesuola. E’ davvero bella con giochi per i bimbi e tavoli per pic nic sotto l’ombra degli alberi.
Mangiamo i nostri panini e ci riposiamo un pò mentre i bimbi corrono per il parco e si divertono sulle altalene.
 
Nel pomeriggio proseguiamo con la nostra gita.
Con una bella ciclabile che attraversa il Parco Cesuola arriviamo fino ai Giardini Pubblici dove ci fermiamo per una breve sosta.
Continuiamo fino ai Giardini Savelli dove troviamo una piadieria e una torretta.
Siccome fa piuttosto caldo decidiamo di tornare alla macchina e di terminare la nostra giornata con un bagno al mare.
 
Di questa giornata ricorderemo certamente il bel parco Cesuola e magari ripeteremo la nostra gita in una giornata diversa dal sabato per poter ammirare meglio il centro della città.
 
Parco per Fabio

Parco per Fabio

Parco per Fabio

Parco per Fabio

Parco Cesuola

Parco Cesuola

Itinerario Parma – Parti in bici alla scoperta dei parchi gioco

Itinerario Parma – Parti in bici alla scoperta dei parchi gioco



Bellissima giornata d’autunno e decidiamo di sfruttarla per una giornata a Parma in ricordo dei bei tempi dell’Università! Parcheggiamo la macchina accanto alle Poste e partiamo per la nostra gita.
 
Il primo stop è al Parco Bizzozero: bellissima area verde molto grande attrezzata con panchine, fontanelle e giochi.
 
Ripartiamo per il Parco della Cittadella dove percorriamo il bel percorso sulle mura tra tanti residenti impegnati a fare jogging. Nella parte bassa della Cittadella c’è un piccolo parco giochi e un’area con gonfiabili ma decidiamo di proseguire per il Parco Giacomo Ferrari. Il Parco Ferrari è situato nella zona est della città e include un’area gioco per i bimbi attrezzata con scivoli, altalene e fontana, un chiosco bar, campi sportivi ed un’ area dedicata ai cani.
 
Riprendiamo le bici per dirigerci verso il Parco giochi di Piazzale Lubiana: piccolo e tranquillo parco di quartiere con area gioco bimbi e fontana. I bimbi si divertono sull’arrampicata, sulla funivia e sui ponticelli di equilibrio. Grazioso anche il castellino. A fatica riusciamo a convincerli a ripartire per dirigerci al Parco giochi Galeone dove facciamo una brevissima sosta sul divertente castellino a forma, appunto, di galeone dei pirati.
 
Proseguiamo fino al Parco delle Lavandaie: nell’area gioco principale c’è una torretta ed un’altalena ma noi optiamo per fermarci a fare picnic nella piccola area a fianco in cui troviamo una nave costruita attorno a un grande pioppo e una collinetta con scivoli. Mangiamo i nostri panini e continuiamo la nostra gita fino al Parco Falcone Borsellino. Bellissima area verde con giochi per bimbi, anche disabili. A fianco del parco ammiriamo l’Auditorium Paganini e scattiamo qualche foto sul fiumiciattolo con le tartarughe!
 
La nostra gita continua con la visita del bellissimo centro della città: nella Piazza Garibaldi bimbi contemplano la meridiana, nel giardino della pilotta giocano con l’acqua del giardino pensile, poi mangiamo un gelato su Via Garibaldi e facciamo due passi nella Piazza del Duomo e del Battistero. Concludiamo la nostra gita nel bellissimo Parco Ducale. Con i colori dell’autunno è ancora più bello di quanto potessi ricordare! Mangiamo una granita e dopo aver rincorso le anatre attorno alla fontana, noleggiamo i divertentissimi CRI CRI con cui i bimbi sfrecciano per le stradine del parco divertendosi come matti!
 
Sfiniti per la lunga giornata ma con il cuore pieno di emozioni e di ricordi lasciamo Parma ripromettendoci di tornare al più presto!
 
Parco Bizzozero

Parco Bizzozero

Parco Bizzozero

Parco Bizzozero

Parco della Cittadella

Parco della Cittadella

Parco della Cittadella

Parco della Cittadella

Parco giochi di Piazzale Lubiana

Parco giochi di Piazzale Lubiana

Parco giochi di Piazzale Lubiana

Parco giochi di Piazzale Lubiana

Parco giochi di Piazzale Lubiana

Parco giochi di Piazzale Lubiana

Parco Falcone Borsellino

Parco Falcone Borsellino

Su un CRI CRI a spasso per il Parco Ducale

Parco Ducale

CRI CRI a noleggio nel Parco Ducale

Noleggio CRI CRI nel Parco Ducale

Itinerario Castello di Miramare > Trieste – Parti in bici alla scoperta dei parchi gioco

Itinerario dal Castello di Miramare al centro di Trieste – Parti in bici alla scoperta dei parchi gioco



Durante una breve vacanza in Friuli andiamo in esplorazione della città di Trieste.
 
Esattamente come indicato nel pdf parcheggiamo gratuitamente a lato strada sulla SS14, appena prima dell’ hotel Miramare. Scendiamo fino al meraviglioso Castello di Miramare dove dobbiamo lasciare fuori le biciclette per fare due passi nel parco (per i giardini del castello non si possono tenere le bici neanche a mano). Il Castello è magnifico in particolare per la sua posizione sul mare: Il bianco della struttura fa un contrasto eccellente con l’azzurro del mare.
Stupendo anche il parco del castello, tutto saliscendi con alberi maestosi, fiori colorati e viste mozzafiato. Qui però non ci sono giochi per bambini.
 
Riprendiamo le bici in direzione di Trieste. Lungo tutto il marciapiede che costeggia il mare si accalca la gente che prende il sole. Troviamo la ciclabile sul lato opposto della strada che percorriamo fino alla bella Pineta di Barcola ombreggiata da pini marittimi e lecci. Qui ci mettiamo i costumi da bagno e ci concediamo un bel tuffo in questo splendido mare da cui si accede attraverso scalette ricavate lungo la scogliera. Nella pineta ci sono molte aree gioco per i bimbi grandi e piccini.
La ciclabile ci porta fino all’ingresso della città e qui scopriamo purtroppo che Trieste non è assolutamente una città a misura di bicicletta: molti tratti di ciclabili finiscono nel nulla, obbligandoci spesso ad attraversare strade molto trafficate in cui dobbiamo respirare molto smog.
 
All’altezza della stazione alla nostra sinistra c’è un parco sopraelevato, per raggiungerlo dobbiamo salire una scalinata piuttosto lunga. Leghiamo le bici e procediamo. Si tratta del Giardino Lenor Fini, un grazioso parco con alcuni giochi, in particolare una torretta fatta ad aereo molto originale.
 
Arriviamo nella bellissima Piazza Unità d’Italia che è circondata da imponenti palazzi poi facciamo un giro per il porto (di nuovo per niente agevolati da ciclabili) e ci dirigiamo fino Passeggio Sant’Andrea con la speranza di trovare qualche giostra per i bimbi ma purtroppo scopriamo che di giorno è tutto chiuso.
 
Ritorniamo alla macchina… con tutti i disagi del caso. Ciò che ci ha più rattristato è vedere una così bella città senza un minimo di orientamento al turismo in bicicletta.
Il primo tratto dal castello alla pineta di Barcola invece ci è piaciuto molto.
Forse può valere la pena di lasciare le bici alla pineta e andare in centro col bus.
 
Pineta di Barcola

Pineta di Barcola

Pineta di Barcola

Pineta di Barcola

Castello di Miramare

Castello di Miramare

Giardino Lenor fini

Giardino Lenor fini

 

Itinerario di Faenza – Parti in bici alla scoperta dei parchi gioco



Con una mezza giornata a disposizione decidiamo di fare un giro in bicicletta alla scoperta di Faenza.
 
La nostra prima tappa è al Parco della Magione inserito in un grazioso borghetto di vecchie case con pietra a vista. Nel parchetto sono presenti alcuni giochi: un altalena, una torretta e un bilico. Niente di particolare a dire il vero, ma il parco è molto verde e i bimbi si divertono comunque ad arrampicarsi sugli alberi.
 
Dopo aver percorso le vie del centro e la bella Piazza del Popolo verso pranzo ci fermiamo al Parco della Rocca “Il Tondo”. Graziosissimo parchetto in pieno centro a Faenza con due belle torri di legno con scivoli: una per i più grandi ed una per i bambini più piccoli. Facciamo pic nic nel parco accanto al laghetto con le tartarughe ed alla grande voliera con i pappagalli che affascina moltissimo i bimbi.
 
Riprendiamo le bici per arrivare al Parco Bucci e restiamo davvero a bocca aperta. Area verde enorme curatissima con moltissimi alberi, laghetti e un piccolo corso d’acqua che si attraversa in più punti con ponticelli e con divertenti massi su cui i bimbi saltellano da una sponda all’altra. Nel parco sono presenti molti animali: gabbie con cavie, oche, cigni, pavoni e tantissimi conigli che scorrazzano liberi tra le persone. Accanto ad una vecchia locomotiva a vapore è presente una grande area giochi con torrette, altalena, casette in legno ed una nave gioco. Facciamo un giro su un divertente trenino “il trenino del Perù” che corre intorno al Parco. Finiamo in bellezza con un paio di giri sulla bella giostra che troviamo all’uscita e riprendiamo le bici per il rientro.
 
Passiamo per il Parco Mita ma non ci fermiamo, proseguiamo invece sul bel percorso ciclabile che corre lungo il fiume Lamone. Prendiamo un gelato in centro e ritorniamo alla macchina.
 
Faenza è stata una piacevolissima scoperta e siamo rimasti strabiliati dall’immenso polmone verde del Parco Bucci che merita davvero una visita soprattutto con dei bambini.

Parco della Rocca “Il Tondo”

Parco della Rocca “Il Tondo”

Parco della Rocca “Il Tondo”

Parco della Rocca “Il Tondo”

Parco giochi nel Parco Bucci

Parco giochi nel Parco Bucci

Parco giochi nel Parco Bucci

Parco giochi nel Parco Bucci

Parco Bucci

Parco Bucci

Parco Bucci

Parco Bucci

Parco Bucci

Parco Bucci

Parco Bucci

Parco Bucci

Parco Bucci

Parco Bucci

Locomotiva nei pressi del parco giochi

Locomotiva nei pressi del parco giochi

Itinerario di Modena – Parti in bici alla scoperta dei parchi gioco

Itinerario di Modena – Parti in bici alla scoperta dei parchi gioco



In una bella domenica di maggio decidiamo di visitare Modena.

Parcheggiamo gratuitamente nel parcheggio in Via Divisione Acqui. A fianco del parcheggio troviamo un’area molto bella attrezzata con i gonfiabili; i bambini vogliono salirci ma gli promettiamo di fermarci al ritorno, così facciamo il primo stop nel parchetto posto subito dietro i gonfiabili. Due altalene, una torretta e alcuni dondoli a molla.

In pochi minuti ripartiamo e in un paio di km, passando davanti allo stabilimento Maserati e superando un ponte sulla ferrovia arriviamo al bellissimo parco XII Aprile.
I giochi sono un po’ datati, e alcuni sono evidentemente rotti tuttavia i giochi che provano i nostri bimbi sono originalissimi: un gazebo con le colonne colorate che girano creando effetti psichedelici , una grande torre con scivoli, tunnel e passaggi a corda. Belle altalene e dondolini. D’impatto anche due personaggi in metallo alti tre metri, forse un tempo attrezzati con qualche gioco. Davanti all’area gioco c’è una curiosa porta storica, mentre in una seconda area gioco poco distante è presente una struttura per arrampicata e fitness, adatta a ragazzi più grandi.

Riprendiamo le bici per dirigerci verso il Giardino Ducale Estense. Qui troviamo un delizioso laghetto con spruzzi d’acqua, pesci e anatre. C’è anche una graziosa area gioco a tema “Piccolo principe” costituita da una torretta e una casetta per bimbi piccoli e a fianco una giostrina di altri tempi che con pochi euro fa divertire un mondo i nostri bimbi.
Di fianco al lago c’è la Palazzina Ducale, seicentesca, molto bella e impreziosita da bellissimi fiori. Peccato che dietro la palazzina spunta un ecomostro che rovina completamente la vista.

Proseguiamo per il centro in direzione Piazza Grande, dove svetta la famosa torre Ghirlandina, simbolo della città. Molto bello anche il Duomo in pietre chiare. A pochi passi della piazza c’è anche la Sinagoga.

Percorrendo il tratto pedonale della Via Emilia Ponente ci dirigiamo verso il parco Enzo Ferrari, una grande area verde con alcune aree gioco. Nella prima, dove ci fermiamo a fare pic nic troviamo un’enorme torretta con diversi scivoli e poco a fianco una divertente ed attrezzata area fitness. Nella seconda, a tema spaziale, troviamo bellissimi giochi che certamente anni fa saranno stati ancora più belli: una grande piramide di arrampicata a forma di navicella, uno scivolo a tunnel e diversi giochi ed arredi a tema extraterrestri.

Ripartiamo verso il parco Giovanni Amendola che ci lascia veramente stupiti. Anche questo è un bellissimo polmone verde della città con tante collinette e un’area gioco degna dei paesi del nord Europa! Anche in questo caso si vede che i giochi sono vecchiotti ma comunque originalissimi! Il parco è dedicato ai cavalieri: un grande castello con tanto di ponte levatoio e tavola rotonda, oltre alla mitica spada Excalibur conficcata nella roccia. C’è anche uno scivolo originalissimo a forma di drago. A fianco all’area giochi c’è un bel laghetto e una giostra a trenino a basso costo che ovviamente non possiamo saltare!.

Proseguiamo il nostro tour per Modena attraversando il bel parco della Resistenza. Non ci fermiamo ma anche questo è enorme con uno stupendo gazebo fiorito pieno di rose e una bella torretta gioco. Arriviamo al parco della Repubblica, anche questo grande e pieno di alberi. I giochi sono vecchiotti ma comunque di impatto: una barca con scivoli, uno scivolo a forma di piovra e un percorso su tavole molleggiate.
Qui c’è uno strano laghetto che sembra una ciambella col buco in mezzo.

Proseguiamo per il parco di Villa Ombrosa dove non ci fermiamo sui giochi ma ammiriamo un gruppo di 4 altissime sequoie.

Nel parco in Via del Pozzo non ci fermiamo, complice stanchezza ed erba alta, anche i giochi non attirano i nostri bimbi.

Arrivati al parcheggio, i nostri bimbi concludono in bellezza la giornata nell’area gonfiabili accanto al parcheggio dal costo molto contenuto!

Nonostante le nostre radici siano modenesi (almeno quelle di mamma) non avremmo mai immaginato che Modena potesse offrire tanti parchi e così belli per i bambini e per le famiglie in generale. Ampi polmoni verdi nella città che siamo abituati a vedere di rado in Italia… Certamente l’attenzione ai parchi gioco una quindicina di anni fa rende onore a Modena… che merita davvero 5 stelle di recensione da parte del nostro sito!

Overview itinerario

Overview itinerario

Parco Giovanni Amendola

Parco Giovanni Amendola

Parco Giovanni Amendola

Parco Giovanni Amendola

Parco Giovanni Amendola

Parco Giovanni Amendola

Parco Enzo Ferrari

Parco Enzo Ferrari

Parco Enzo Ferrari

Parco Enzo Ferrari

Parco Enzo Ferrari

Parco Enzo Ferrari

Parco Enzo Ferrari

Parco Enzo Ferrari

Giardino Ducale Estense

Giardino Ducale Estense

Giardino Ducale Estense

Giardino Ducale Estense

Giardino Ducale Estense

Giardino Ducale Estense

Parco XII Aprile

Parco XII Aprile

Parco di Via Divisione Acqui

Parco di Via Divisione Acqui

Parco della Repubblica

Parco della Repubblica

Parco XII Aprile

Parco XII Aprile

Parco Giovanni Amendola

Parco Giovanni Amendola

Parco Giovanni Amendola

Parco Giovanni Amendola

Itinerario di Rimini – Parti in bici alla scoperta dei parchi gioco

Itinerario di Rimini – Parti in bici alla scoperta dei parchi gioco



Lasciamo la macchina nei pressi della zona sportiva in V.le Euterpe. Da qui parte una bellissima pista ciclabile immersa nel verde che arriva fino alla costa.
 
Nel primo tratto costeggiamo un grazioso laghetto, siamo nel Parco della Cava o Parco Giovanni Paolo II, in cui i bimbi si divertono a vedere tartarughe ed anatroccoli.
 
Proseguiamo per il Parco Fabbri con una bella torretta in legno, altalene ed altri giochi adatti a bimbi piccoli. Ripartiamo sempre lungo la bella ciclabile per raggiungere il Parco Madre Elisabetta Renzi per qualche salto su divertenti funghetti e continuiamo il nostro giro in bicicletta fino alla spiaggia dove ci accoglie uno spettacolo incredibile di colori per il Festival Internazionale degli Aquiloni.
 
Facciamo pic nic in spiaggia e nel primo pomeriggio riprendiamo le nostre bici per arrivare nel nuovo bellissimo Parco Federico Fellini. Collina a forma di serpente con scivolo gigante, altalene e divertentissimo gioco d’acqua. Il parco ha molti giochi accessibili anche per i bimbi disabili.
 
Riprendiamo la strada del ritorno percorrendo un bellissimo viale con lussuosissime ville che ci porta fino al sottopasso della ferrovia. Facciamo un giro per la bella Piazza Cavour e per la Piazza Tre Martiri facilmente riconoscibile per il grande sole disegnato in terra.
Oltre l’ Arco di Augusto riprendiamo la nostra ciclabile per ritornare alla macchina.
 
Conoscevamo Rimini per la sua bella spiaggia piena di vita ma girandola in bicicletta abbiamo scoperto zone inaspettate immerse nel verde che si sono rivelate davvero una piacevole scoperta!
 
 
Parco della Cava

Parco della Cava

Parco della Cava

Parco della Cava

Parco Fabbri

Parco Fabbri

Parco Renzi Madre Elisabetta

Parco Renzi Madre Elisabetta

Parco Renzi Madre Elisabetta

Parco Renzi Madre Elisabetta

Parco Renzi Madre Elisabetta

Parco Renzi Madre Elisabetta

Festa degli aquiloni in spiaggia

Festa degli aquiloni in spiaggia